Tra sogno e realtà.

E' possibile salvare la nostra lingua?
Una traduzione dal nediško
Stavo
presso il grande albero
anche lui sognava con me.

Mi disse:
- vieni sui miei rami,
ti racconterò qualcosa. -

In fretta
iniziai ad arrampicarmi.

- Più veloce, più veloce -
mi disse -
in modo che ti possa raccontare
prima che ti svegli. -

Era faticoso
arrampicarsi:
i rami
non volevano mai giungere.
Presi fiato un momento
e chiesi:
- Cosa mi racconterai? -

- Ti racconterò
cosa dovresti fare
per salvare la nostra lingua. -

Iniziai ad agitarmi
con tutte le forze
per giungere prima.
- Ah, era ora
che qualcuno mi racconti
cosa devo fare per salvare
la nostra lingua. - pensai.

- Più in fretta, più in fretta
altrimenti ti svegli -
Insistette l'albero.

Afferrai un ramo
e mi tirai su
con tutta la forza.

- Sono arrivato,
raccontami ora - dissi.
Ma non mi diede retta.

- Mi promettesti
di raccontarmi -
gridai.

- Non vedi che si è arrodmentato -
disse un albero vicino.
- Se voi ti racconto
cosa sta sognando. -

- Raccontami. -

- Sogna che ti sta raccontando
cosa dovresti fare per salvare la nostra lingua. -

- Ma io non lo sento! -

Si capisce che non lo senti,
perchè sei sveglio
e da sveglio
non saprai mai
cosa dovresti fare
per salvare la tua lingua,
perchè da sveglio sai
che non si può
così come stanno le cose.

In quel momento
l'albero si svegliò,
ma mi svegliai anch'io.


°°°°°°°°°°°°°°°°°


San stau
tapar te velicin deble
an on j sanjù z mano.

Mej jau:
- Puj gor na muoje varhè,
te povian no rieč. -

San se naglo
začeu pliest.

- Buj hitro, buj hitro -
mej jau
- de te povian
priet ku se zbudiš. -

J bluo teškuo
se plìest:
varhì
nieso tiel maj rivat.
San se no marvo odahnù
an san prašu:
- Ka me boš pravu? -

-Te povian
kab ti muoru narest
za ohranit naš izìk. -

San se začeu mest
na usò muoč
za priat rivàt.
- Ah, j bla ura
de kajšan me povia
ka man narest
za ohranit naš izìk! - san pensù.

- Buj hitro, buj hitro,
čenè se zbudiš. -
j ponoviu drieu.

San se popadu za varh
an san se poulieku na anj
na usò muoč.

- San rivù,
povejme sa - san jau.
Ma me nia dau štime.

- S me obečù
de me poviaš -
san zauèku.

- Ka na videš de j zaspau -
j jau an drieu ato blizo.
- Če češ te povian
ki sanja. -

- Povej -

- Sanja de te prave
ka maš narest za ohranit naš izik -

- Ma jest ga na čujen! -

- Kab de ga na čuješ,
zuok si že sbujèn
an zbujèn
na boš maj viedeu
ka maš narest
za ohranit tuoj izik,
zuok zbujèn viaš
de se na more
takuok stojò rečì. -

Glih tenčas
drieu sej zbudu,
ma san se zbudìu an jest.

Questo sito, realizzato e finanziato interamente dai soci, è completamente independente ed amatoriale.
Chiunque può collaborare e fornire testi e immagini a proprio nome e a patto di rispettare le regole che trovate alla pagina della policy.
Dedichiamo il sito a tutti i valligiani vicini e lontani di Pulfero, San Pietro al Natisone, Savogna, Stregna, Grimacco, San Leonardo, Drenchia, Prepotto e di tutte le frazioni e i paesi.

www.lintver.it
© 2000 - 2018 Associazione Lintver
via Ponteacco, 35 - 33049 San Pietro al Natisone - Udine
tel. +39 0432 727185 - specogna [at] alice [dot] it