Incubo la futuribile cava di Cedarmazi

Già parecchi mesi fa mettevamo in evidenza che "i furbi" approfittano per saccheggiare risorse naturali, le nostre risorse naturali.
E sottolineavamo pure che coloro che ne hanno la responsabilità si comportano, per dir poco, con leggerezza o per incapacità e incompetenza o per convenienza.
Forse è il caso di rincarare la dose.

Ormai siamo assediati

Ormai siamo assediati, ovunque e tutti, dall'incubo delle cave.
Diventerà un'ossessione!
E principalmnete per due motivi:
1° - per l'ingordigia di chi non ha mai abbastanza;
2° - per l'incapacità dei nostri amministratori ad opporsi.

Lo dicevamo già mesi fa

Già parecchi mesi scrivevamo che per pochi soldi si stava acquistando appezzamenti di terreno sempre più vasti con l'unico intento di sfruttare fino all'osso il sottosuolo, in barba a tutte le leggi nazionali.
Spiegavamo anche che questo tipo di cave riducono al minimo il fattore di produzione non gratuito, ossia la forza lavoro, la mano d'opera, il posto di lavoro per intenderci.
Sfruttano, al contrario, al massimo le risorse ambientali e l'integrità ambientale in quanto offerte gratuitamente (e stupidamente) dalle stesse Amministrazioni Pubbliche.
Così ci ritroviamo le Valli piene di ferite aperte a pieno sole, strade dissestate e ingombrate e un territorio sempre più povero e degradato.

Una nuova cava

Ora una nuova cava nonostante tutto forse riuscirà ad essere aperta e in un ambito delicatissimo, in una zona che è un paradiso naturale, in una zona nella quale si perderà anche il ricordo della vecchia chiesa di Svet Miklauž.
Se poi danneggerà anche la grotta d'Antro, pazienza!
Per adesso non è mica comprovato!

E l'Amministrazione pubblica?

Discute in prima istanza, ma non sa decidere!
Deve approfondire!
Approfondire che cosa?
O siamo ignoranti noi o è ignorante qualchedun'altro.
Tanto la decisione dell'Amministrazione comunale non è vincolante!
E allora anche si dovesse concedere il permesso, non è mica vincolante!!!
E non lo sarà nemmeno di fronte alla netta opposizione della stragrande maggioranza della popolazione di Peliano, di Tarcetta e di tutto il Comune.
Questa è democrazia!!!

Ma c'è un'altra perla!

“Il sito può essere raggiunto anche tramite la viabilità forestale, ma il comune allo stato attuale non intende farsi carico di adeguare quest'ultima.”

Siamo sicuri di aver letto bene e di aver capito bene???!!!
Il comune dovrebbe adeguare ai cari cavatori anche la viabilità forestale magari fino a Torreano o a Cividale?!

Incredibile, davvero incredibile!!!

Dopo il danno anche la beffa!
Nino Specogna

Questo sito, realizzato e finanziato interamente dai soci, è completamente independente ed amatoriale.
Chiunque può collaborare e fornire testi e immagini a proprio nome e a patto di rispettare le regole che trovate alla pagina della policy.
Dedichiamo il sito a tutti i valligiani vicini e lontani di Pulfero, San Pietro al Natisone, Savogna, Stregna, Grimacco, San Leonardo, Drenchia, Prepotto e di tutte le frazioni e i paesi.

www.lintver.it
© 2000 - 2018 Associazione Lintver
via Ponteacco, 35 - 33049 San Pietro al Natisone - Udine
tel. +39 0432 727185 - specogna [at] alice [dot] it