La novena delle castagne

E' tempo di castagne! Raccoglierle è facile; conservarle a lungo meno.
Ecco due metodi validi
I frutti del Castagno perdono facilmente e velocemente la freschezza, appassiscono e la polpa lentamente si secca.
Se la conservazione viene effettuata in un locale umido, invece, è facile lo sviluppo di muffe e marciume.

Esistono degli antichi e tradizionali sistemi di conservazione tipici della nostra zona. Eccoli!

Il medodo della "ricciata"

Ecco come si deve operare adottando il metodo della «ricciaia»:

i ricci caduti e ancora chiusi vengono rastrellati ed ammucchiati in cumuli alti 50-60 cm a ridosso del tronco di una grossa pianta;

il cumulo viene ricoperto con uno strato di foglie al quale viene sovrapposto uno strato di terriccio di bosco dello spessore di 10-12 cm;

durante i 12-14 giorni in cui rimane nell’interno del cumulo il riccio perde consistenza consentendo la facile estrazione dei frutti, mentre all’interno di ogni frutto si verifica una lenta fermentazione, con sviluppo di acido lattico ed anidride carbonica, che consente un prolungamento della conservazione per un periodo di 35-45 giorni.

Il metodo del"La novena"

La «curatura in acqua» o «novena» è un altro valido sistema con quantitativi destinati al consumo familiare (da 25 a 50 kg di frutti).

Questo metodo prevede una serie di operazioni della durata complessiva di 8-9 giorni; per questo motivo viene comunemente chiamato «novena».

In pratica si tratta di immergere le castagne fresche, ripulite dalle impurità esterne, in acqua possibilmente priva di cloro.

Si procede in questo modo:

- immersione delle castagne in acqua fresca e pulita;

- cambio giornaliero dell'acqua al 50% fino al quarto giorno;

- cambio totale dell'acqua il 5° giorno;

- cambio dell'acqua al 50% il 6° e 7° giorno;

- cambio totale dell'acqua l'ottavo giorno;

- estrazione delle castagne dall'acqua il 9° e ultimo giorno;

- i frutti, dopo la curatura, vanno sistemati in cassette e posti il locali arieggiati;

lo strato di castagne non deve superare i 15-20 cm
ed è necessario intervenire una o due volte al giorno (almeno i primi giorni) per rimescolare i frutti e dare loro aria
.

Le castagne così trattatte durano fresche almeno fino a Natale.
Lintver

Questo sito, realizzato e finanziato interamente dai soci, è completamente independente ed amatoriale.
Chiunque può collaborare e fornire testi e immagini a proprio nome e a patto di rispettare le regole che trovate alla pagina della policy.
Dedichiamo il sito a tutti i valligiani vicini e lontani di Pulfero, San Pietro al Natisone, Savogna, Stregna, Grimacco, San Leonardo, Drenchia, Prepotto e di tutte le frazioni e i paesi.

www.lintver.it
© 2000 - 2018 Associazione Lintver
via Ponteacco, 35 - 33049 San Pietro al Natisone - Udine
tel. +39 0432 727185 - specogna [at] alice [dot] it