I Blumari di Montefosca - febbraio 2001


Anche quest'anno si rinnova la tradizione dei Blumari ad augurare un anno felice per tutti e per tutto, anche per la nostra cultura!


Montefosca, purtroppo, si é spopolata. Di giovani ce n'é davvero pochi.
Eppure il carnevale sopravvive.
Perché blumari possono essere solo i giovani maschi non sposati e, naturalmente, in numero dispari secondo la tradizione.

Che belle maschere.
La persona tutta vestita di bianco.
Il caratteristico cappello e i campanacci, assicurati alla schiena in maniera davvero originale, richiamano i colori del Pust.
Il lungo bastone nero, un alpenstok, completa la mascheratura.


Il termine blumari forse deriva dalla parola tedesca "blume" (=fiore).
In questo caso si riferirebbe sicuramente ai caratteristici cappelli che ricordano un albero fiorito.


Il rito dei Blumari é assai semplice ed elementare.
Si tratta di correre lungo un percorso circolare predefinito che é sempre lo stesso e che abbraccia le due frazioni, lungo circa quattro chilometri, che sará ripetuto tante volte quante sono i blumari partecipanti.
La corsa é faticosa, difficoltosa e piena di inisidie specie se il terreno é gelato.


Le soste sono due ogni giro, una per ogni singola borgata.
Anche nella sosta bisogna scuotere i campanacci e saltare il piú alto possibile con l'aiuto del bastone.
Naturalmente bisogna bere ció che viene offerto dalle porte o dalle finestre.
Importantissimo non sporcare il vestito, che deve rimanere immacolato.

C'é quest'anno il tentativo di rianimare i blumari.
Il primo giro ha, infatti, inizio con piccoli blumari in miniatura, che quando avranno acquistato forze sufficiente, porteranno a termine il loro compito di perpetuare una tradizione radicata nel cuore.


Commento e realizzazione della pagina Ruben Specogna

Questo sito, realizzato e finanziato interamente dai soci, é completamente independente ed amatoriale.
Chiunque puó collaborare e fornire testi e immagini a proprio nome e a patto di rispettare le regole che trovate alla pagina della policy.
Dedichiamo il sito a tutti i valligiani vicini e lontani di Pulfero, San Pietro al Natisone, Savogna, Stregna, Grimacco, San Leonardo, Drenchia, Prepotto e di tutte le frazioni e i paesi.

www.lintver.it
2000 - 2017 Associazione Lintver
via Ponteacco, 35 - 33049 San Pietro al Natisone - Udine
tel. +39 0432 727185 - specogna [at] alice [dot] it




Visite dal 3 Aprile 2010.