Božič an Brieza

Tele zadnje liata je paršla navada runat “božični driau” uonz briezove varhé
An driau ki usakega stağona olieuša naše sanožeta, hosta an breguave, je brjaza; njè bìau olup kliče očì miaz zelenjave od perjah, tamienih deblah an gor na zelené sanožeta. Ih gledat, arzsvetì sarcè.
Driau velike lepoté, s tistim varham ki spoliatajo na usé kraje, na stojì pruat vìatru ma se ulekne za njìn takua de se na maj učesne pod tistò štrašnò močò… se poklada silan!
Tel drìau, je malo manj no zdravìlo, an Boži šenk: po lìate dà sianco tin trudnin sanosekan kar kosjo pod njin an potlé pa počivajo kar sonce pečé na posebno vižo.
Miasca marča, kar driau ulače gor suok, kaišni judjè buj znani ga točijo an ga pijò ku pìt medežino: prebriše krì an vas žuat od tih močnih zimskih jedilah ki smo se dopunli ; tud te mlade pera, zauriate tu uodì, dajò no pjačo ki kar je popita z no malo medu očede vas žuat.
Na zadnjo, nje hlot arsciapjen na flete, so ga nucal za pokrivat kakošnjake, striahe, par starin tud korca od hrama…
Kar kaisna striala ih je učesnila, briaze so šlè an tu špurget kiar so griale hiso.
Briaza je tud parložna za runat graje okù varta an okù kokošnjaka.
Briaza se rada rodì tode ki so sanožeta zapustjené, zak tu host jo začefajo te stare plante. Sada ki host je pokrila skor usé lazne, briaze jo imajo tardò za se šerit, ih je nimar manj.
Tele zadnje liata je paršla uon navada za runat “božični driau”(albero di Natale) uonz briezove varhé; so biali an kažejo de je pado sniah gor na njè…(tuale, je dobro de se na nuca te živih smriak) skoda je, de na jemajo varhé od starega debla, pa gredo siač te mlade briaze, (trì-štiar liata stare) takua de na njh prestore se na rodjo druge uons sianja; šipkovce tarnje an te mladi tapolì ki rastijo le kupe par briazah, ih začefajo, tud te velika trava naseč pomaga…
Teli kustni judjè bi moglì žihar itì do po Nediš, pobrat tiste suhe varhe ki paudnje so oličile, ih namalat z japnan an ih zluast kupe, bi paršli glih taki Božični drevuavi pod sniagan. Deb se ki buj nuzala pamet, bi se obranilo tele lepè, riatke, biale hosta ki olieusajo naše bregì an naše doline…
Renzo Onesti


La betulla e il Natale

Un albero che in ogni stagione abbellisce i nostri prati, boschi e monti è la betulla, la sua bianca corteccia attira lo sguardo tra il verde delle foglie, i tronchi scuri del bosco e sui prati permanenti delle nostre montagne; la sua vista rallegra il cuore. Pianta di estrema bellezza, con i suoi rami svolazzanti non contrasta ma asseconda la forza dei venti, cedendo senza spezzarsi a quelle spinte poderose, sfida le tempeste! Pianta dalle mille proprietà benefiche, può essere considerata un dono di Dio per l’ombra che offre nelle afose giornate d’estate agli stanchi falciatori, durante la consumazione dei pasti e delle pennichelle che seguono, nelle ore quando il sole è più spietato! In primavera la sua prima linfa ascendente, raccolta e consumata nella giusta maniera e quantità, purifica il sangue e ripulisce gli organi vitali dalle scorie accumulate con la consumazione dei calorosi piatti invernali; stesso effetto lo fanno le tenere, fresche foglioline, di un chiaro e timido verde, cresciute sotto la spinta della linfa, incoraggiata a risalire il tronco dai primi tepori del terreno dopo il disgelo. Il suo legno, infine, oltre che diffondere calore e profumo nelle case dei montanari, si presta a fabbricare bellissime staccionate per delimitare orti o altre aree nei pressi delle case; trasformato in “scandole” può servire a coprire pollai e legnaie e, nei tempi passati, anche i tetti delle case. Purtroppo nel fitto bosco ceduo, la betulla ha difficoltà a propagarsi perché il sottobosco soffoca le giovani piantine nate da seme, si salvano solo le piante grandi, nate e cresciute prima che il bosco ricoprisse quei prati abbandonati che aumentano di anno in anno. La betulla, con il pioppo tremolo e la rosa canina, sono piante pioniere che crescono superando l’erba alta dei prati non più falciati, preparando con le loro foglie cadute di autunno in autunno,”l’humus” che facilita la crescita di piante più pregiate quali il castagno, la quercia, il faggio e così via. In seguito, crescendo in modo più deciso, queste ultime soffocano quasi del tutto quei primi delicati alberelli, prendendone il posto. Dicevo che la betulla sta diventando sempre più rara: le mode umane contribuiscono non poco a questo scempio, mi spiego: da qualche anno l’albero di Natale, da sempre rappresentato dal sempreverde abete, viene sostituito da abeti di plastica (e questo è un bene!) sia verdi che bianchi, questi ultimi simulano la neve; alcuni costruiscono abeti stilizzati, adoperando vari legni, anche quei rami secchi e spellati dalle piene del Natisone; alcuni invece, adoperano i bianchi rami della betulla (effetto neve) e fin qua niente di male … il male è, che invece di adoperare rami di betulle adulte, trovano più comodo tagliare alla base le rare giovani betulle di due, tre o quattro anni, impedendo in tal modo la formazione dei bellissimi boschetti di questa delicata e oramai sempre più rara pianta che abbelliva i nostri magnifici paesaggi.

Questo sito, realizzato e finanziato interamente dai soci, è completamente independente ed amatoriale.
Chiunque può collaborare e fornire testi e immagini a proprio nome e a patto di rispettare le regole che trovate alla pagina della policy.
Dedichiamo il sito a tutti i valligiani vicini e lontani di Pulfero, San Pietro al Natisone, Savogna, Stregna, Grimacco, San Leonardo, Drenchia, Prepotto e di tutte le frazioni e i paesi.

www.lintver.it
© 2000 - 2018 Associazione Lintver
via Ponteacco, 35 - 33049 San Pietro al Natisone - Udine
tel. +39 0432 727185 - specogna [at] alice [dot] it