Misli an besiade na vietru

Naš domači izik 2011
Predusem: su misli an besiade na vietru... an... tako ih muore obdielovat!!!

Mojè ime je Giovanni Rossi, san se rodiu ghu Petijaze an iman ( 61 ) enainsestdeset liet. San nimar kle živeu.
San ošenjen z Franko Qualizza an imamo štijer otrokè.
Vič krat tu moijm življenje san se poprašu: “ Ka dua san ? “
Muoj očà, Angelo Rossi ( je že puno liet ki jè umaru ), se jè rodiu u Pauletskem komune du Laškem, an u lieto antausint-devetstuoa-dvaindvajst usà njeghà družina je paršlà živjat ghu Petijah.
Su paršli dialat kot kmeti na pou pardiela ( mezzadri ) u Corenovi hiši ( Lahovi ) iz Pauleta.
Je bila pru na velika družina, sa su bli usi kupe mimo petnajst judì. Su usì ghuoril po laško ( furlansko ), a tu malo zaita ti mladi so se navadli ghuorit po nedižkem iziku.
Kar muoj očà se je oženu, je paršu živjet ghu hišu moje mame, pri Tonšovi hiši, za kuka. Mojà mama jè imjela ime Felicita Petrina an jè bila dvija ljeta buj stara ( stareiša ) ku muoj očà. ... Deb bi bila živa, sada bi imjela ( 105 ) stuoainpet liet.

U naši hiši su bli puno pobožni, an su bli mežnari ( cerkovni ) še od staregha, za tua jim su ghuoril: ... “ ta par mežn+arie “.
U Tonšovi hiši smo ghuoril po nedižko, an te parvi izìk ki san se navadu (tist ki pravejo materin isìk) jè biu pru tist.
Potadà san se navadu italijanski izìk an še potem pa furlanski, ki jè biu očne isìk.
Vam san usè tuole poviedu, in bi imeu še druzegha, za očistit muojo problematiko an lieuš zastopit kar ki sada povien:
San se rodiu pod Italijanski Republiki, Jiuliski Pokrajini, u Nedižki dolini, ki donašnji dan su klicane tut Slavia Friulana, al pa Slavia Veneta, an en krat pa Schiavonia Veneta.

Tele su mojè korenine : nedižke, furlanske an italijanske an priimki muojè družine sami pravejo de ka san.
Ce ghuorin po nedižkem (ki ima korenine u staroslovanski isik) neče reč de san slovanski.
Adnà pravza ossolska takolè prave:
(Da un racconto ossolano) An človek ki se pusti asbrisat svoje imè, ... umrje. An človek ki se pusti izpremenit suoje imè, ... rata hlapac od tistegha ki mu je imè izpremenìu.
Iest na moren zamenit mojò dušo za štier palanke.
Takuo ki jest pensan, mislim, an drughi judie pensajo.
Sadale u naših komunah imamo lece ( zakone ) za branit slovenski leterarni isik an lokalne isike (nedižki, terski an rezijanski), za teritorijalni razvoj (sviluppo) an za use judì ki atu živijò. Pa takuo nije.
Use potiska samuo za leterarni isik an za slovensko daržavno manjšino (minoranza nazionale slovena) use pomočke su u rokah Slovenskih drušbah an samua onè tuole miašajo prez obednegha demokratičnegha kontrola.
Ankrat so pravli:
“ S trebuham za kruham “
Comentar:a kar gha masa sniješ
rataš debeu ku jež.
Tist ki sam sedi, an ija ta za adno mizo pripravjeno za deset judi,
gha kličemo “ samoghuten “.

Takua pa na more iti napri: Tuk nije demokrazije nije poklona ( rispetto ).
Tuk nije razvoja ( sviluppo ) za use judi, nije demokrazije.
An ce nije demokrazije če reč de je narghriš absolutisem.
Je nanuznu branit isike, kulture an tradicije, če se na brane prjat judi an teritorij tuk oni živijo.
Če na bo vič judi, an če teritorij bo zapusčenò, ostanejo samua živali an jagharske leze ( zakone ) na veljavo ( in vigore ).
Se troštam de judie na kako viso, manjero , se zghanejo, de ti mladi ki imajo usò življenje pred sabo uzamejo u njih pestih njhovo prihodnost ( futuro).
Naj na poslušajo lažnive preroke ( profeti ), daj bi iskali resnico, daj bi najdli resnične motive za lokalno preživljenie, ... njhovo an za ušo našo skupnost. Naša skupnost je ku an demant ( diamante ):
blešči od vsakegha kraja ki gha ghledaš.
Sada ima na varhu no malo prahà;
a na kor druzegha ku lepuoa gha očedit,
an bo bleščeu ku na te stare lieta.
Današnji dan poghosto niešni iudje se bahajo ( si vantano ) za cvetice na petu
( cvetice na gumbnico = i fiori all’ occhiello ).
Pa za me ih nije trieba:
kar adna odrezena cvetica niema vič korenin,
tu malo zaita umrje,
an tako ... u svetim mieru bo počivala, u zelenem ... an tihem ... Nedižkem Dolinam. Na lepo vidinje!!!

Zaključek:
Usiem judem dobre volje... ” se vidimo!!! “

Na samin, an z veliko trudnost zapišeno Rossi giovanni

Ce jè še nu malu zaita, bi imeu še ki za poviedat. Se more?

Lieto 1917 ( antausintdevetstuainsedanaist ).
Kobaridovo umaknjenje (disfatta ) u parvi svetouni uiskì.
Prebitje (sfondamento della linea difensiva )
Usa družina mojè matere jè uteklà daj du sred Italije, du Narni an Terni, blizu Hrima.
Ž njmi so blì an še puno drughih judì iz Petijaha an iz drughih vaseh.
Gredè ki se su bližali, u enem prestoru kier ki su se ustabli za prenočit, …… usi kupe, otrocì ženè in možie, u veliki hiši, tuole se je sghodilo: Kijer so se ustabli, eno nuoč ki su bli usì trudnj, jezni an živčni, okuole pounoči an puobič je začeu jokat, al zavuoio trudnost, al pa za lakotjo, al pa za ki drughegha.
Uhee, uhee, uhee.
An star moš se jè oghlasu an je saueku:
“Zamerita tistegha otrokà ki kle smo usì potriebni spanja an počivanja!!!.“
Uhee, uhee, uhee….
“ Če jo na ghenja, priden iest dol an mu zataknen usta!! “
Uhee, uhee, uhee….
“ Ka duo je tist otrok, sadale gha iest postroien!! “
Uhee, uhee, uhee….
U tamì na žena se jè oglasila an mu jè jala :
“ Ghledi Beput ki jè Uigi, tuoj navuot.”
“ Ah ………..… ben nu,………..…. Če jè Uigi naj žighar joč !!! “
je jou te stari moš an seijè obarnù na drugh krej.
Tala jè bila u mojì družini nimar adnà liapa an smijehna povjeda (racconto ), izmišlja ( storia).

Za ki me stà pošlušal do zadnjegha, vas sarčno zahvalem.
Giovanni Rossi





Pensieri e parole al vento

Premessa: sono pensieri e parole al vento……….e………… come tali vanno trattate !!!

Il mio nome è Giovanni Rossi, sono nato a Ponteacco ed ho sessantuno anni. Ho vissuto sempre in questo posto.
Sono sposato con Franca Qualizza, ed abbiamo quattro figli.
Varie volte nella mia vita mi sono posto la domanda : “ Ma io, chi sono ? “
Mio padre, Angelo Rossi, ( è morto molti anni fa ), era nato nel comune di Povoletto in Friuli, e nell’anno millenovecentoventidue ( 1922 ) tutta la sua famiglia era venuta a vivere a Ponteacco.
Erano venuti a lavorare come mezzadri nella casa e sui terreni della famiglia Coren di Povoletto.
Era proprio una grande famiglia, e tutti insieme erano una quindicina di persone.
Parlavano tutti in friulano, ma in poco tempo tutti i giovani hanno imparato a parlare la lingua locale, il Natisoniano.
Quando mio padre si è sposato, è venuto a vivere in casa di mia madre, presso la Tonšova hiša, come “ cucc “. Mia madre aveva nome Petrina Felicita ed aveva due anni di più di mio padre. ….Se fosse ancora viva, oggi avrebbe centocinque anni.
Nella nostra casa erano tutti molto religiosi, e già da tempi remoti svolgevano la funzione di sagrestani, per questo motivo la casa veniva indicata con il nominativo : ….. “ là dal sagrestano “.
Nella Tonšova hiša abbiamo sempre parlato la lingua Natisoniana, e la prima lingua che ho imparato, ( quella che comunemente viene detta lingua madre ) è stata proprio quella.
In seguito ho imparato la lingua italiana e poi la lingua friulana che era la lingua paterna.
Vi ho raccontato tutto questo, e ne avrei ancora altro, per schiarire la mia problematica e meglio farvi capire quello che ora dirò :
Sono nato sotto la Repubblica Italiana, nella Regione Friulana, nelle Valli del Natisone che oggigiorno vengono chiamate anche Slavia Friulana, oppure Slavia Veneta, ed in tempi più remoti Schiavonia Veneta.
Queste sono le mie radici : Natisoniane, Friulane ed Italiane ed i cognomi della mia famiglia da sole raccontano le mie origini e cosa sono. Se io parlo il Natisoniano ( che ha le radici nella lingua Veteroslava ) non vuole dire che io sia Slavo.


Un racconto ossolano, così riporta :
Un uomo che si lascia cancellare il proprio nome, …………muore.
Un uomo che si lascia cambiare il proprio nome, …….
diventa schiavo di colui che gli ha cambiato il nome.

Io personalmente non posso vendere la mia anima per quattro denari.
Anche altre persone la pensano così come la penso io.
Al giorno d’oggi nei nostri Comuni sono in vigore delle leggi per salvaguardare e tutelare la lingua letteraria slovena e le parlate locali (il Natisoniano, il Torriano, il Resiano), per lo sviluppo del territorio e per la tutela di tutte le genti che su di esso vivono.
Ma tutto questo non corrisponde.
Tutto spinge solamente in direzione della lingua letteraria slovena e per la minoranza nazionale slovena, tutti i finanziamenti sono gestiti dalle organizzazioni slovene e solamente loro tutto questo gestiscono senza alcun controllo democratico.
Una volta dicevano : “ Con la pancia si va dietro al pane “ Commento : Ma quando ne mangi troppo, diventi grasso come un riccio.

Chi siede e mangia da solo dietro un tavolo,
imbandito per dieci persone,
viene definito “ ingordo “.

Non è questo il modo in cui le cose possono proseguire :
Dove non c’è democrazia non c’è rispetto.
Dove non c’è sviluppo per tutte le persone, non c’è democrazia.
E se non c’è democrazia vuole dire che è in vigore la peggior forma di assolutismo.

A questo punto è inutile tutelare lingue, culture e tradizioni, se non si tutela prima di tutto le persone ed il territorio dove esse vivono.
Se non ci saranno più le persone, e se il territorio resterà abbandonato ed incolto, rimarranno a viverci solamente gli animali e in vigore le leggi della caccia.
Spero che la gente in qualche modo prenda posizione, che i giovani che hanno ancora tutta la loro vita davanti a sé prendano in mano le redini del proprio futuro.
Non diano ascolto ai falsi profeti, che ricerchino personalmente ed autonomamente la verità, che ricerchino le reali e vere motivazioni per la locale sopravvivenza, ….loro e di tutta la comunità.
La nostra comunità è simile ad un diamante : Brilla da qualsiasi punto venga osservato.
Adesso è leggermente impolverato ed opaco;
basta dargli una bella ripulita e tornerà a splendere come una volta.
Al giorno d’oggi molto spesso sento alcune persone vantarsi per avere dei fiori all’ occhiello.
Per me di questi personaggi non ce n’è alcun bisogno :
Quando un fiore viene reciso, non ha più radici,
in poco tempo muore,
e così …… riposerà nella pace eterna
nelle verdi ……. e silenziose …….. Valli del Natisone. Ad un bel vedere…….!!!!

Chiusura :
A tutte le persone di buona volontà …………. “ ci vediamo!!!! ”

Scritto da solo e con grande difficoltà.

Se posso, se c’è ancora un po’ di tempo, avrei ancora qualcosa da raccontare.
E’ possibile?

Anno 1917 - Disfatta di Caporetto, nella prima guerra mondiale.
Sfondamento della linea difensiva.

Tutta la famiglia di mia madre al completo è scappata cercando rifugio fino nell’ Italia Centrale, nella zona delle città di Narni e Terni, vicino a Roma.
Con loro c’erano molte altre persone di Ponteacco e di altri paesi vicini.
Nel mentre che si avvicinavano al luogo di destinazione, in una località dove si erano fermati per passare la notte, ….. tutti assieme, bambini donne e uomini, in un grande caseggiato, è successo quanto segue: Nel posto dove si erano fermati una notte, tutti stanchi, arrabbiati e coi nervi tesi, verso mezzanotte un bambino ha cominciato a piangere disperatamente, o per la stanchezza, o per la fame, o per qualche altro motivo.
Uhee, uhee, uhee….
Un vecchio uomo si dà voce e grida :
“ Fate tacere quel bambino, chè qua abbiamo tutti bisogno di dormire e di riposare!!! “
Uhee, uhee, uhee….
“ Se non la smette, vengo io giù a tappargli la bocca!!! “
Uhee, uhee, uhee….
“ Chi è quel bambino, adesso lo aggiusto io!!! “
Uhee, uhee, uhee….
Nel buio una donna gli dice :
“ Guarda Beput che si tratta di Luigi, tuo nipote. “
…………………………..“ Ah……… va bene ………….., se è Luigi allora che pianga pure!!!! “, ha detto il vecchio, e si è girato sull’altro fianco.

Questa era, nella mia famiglia, sempre un bello e ridicolo racconto di una storia vissuta.

Poiché mi avete ascoltato fino alla fine, vi ringrazio di cuore.
Giovanni Rossi

Questo sito, realizzato e finanziato interamente dai soci, è completamente independente ed amatoriale.
Chiunque può collaborare e fornire testi e immagini a proprio nome e a patto di rispettare le regole che trovate alla pagina della policy.
Dedichiamo il sito a tutti i valligiani vicini e lontani di Pulfero, San Pietro al Natisone, Savogna, Stregna, Grimacco, San Leonardo, Drenchia, Prepotto e di tutte le frazioni e i paesi.

www.lintver.it
© 2000 - 2018 Associazione Lintver
via Ponteacco, 35 - 33049 San Pietro al Natisone - Udine
tel. +39 0432 727185 - specogna [at] alice [dot] it