Je finèta!

- Je usé fineto!
Ma ne brez priet preklet usé tiste zauojo katerih je usé fineto.
Miesce an miesce ga nia bluo
ne u nebo ne u zebo!
San ga čaku na križišča,
na opočivala,
u cierkvi tu nedejo
pa ga nia bluo za Buoga.

Buog var, san se pravu,
nia migo umaru!
Antá an dàn
san ga viu na delečín
an san mu žačeu migat.

Pa me nia videu,
takua san ga začeu lovit.
Ma j zlietu ku kanjusič
an jest za njin,
ku breberca ki skače
od varhá do varhá.

- Ma Bepo, al me storeš učefat? -
- San zaueku,
kar me sej parielo de me bo čú.

Sej na žlah oglednu, sej ustabu an j potresu glavo.
- Nia, nia,
nia nič. –

- Nia, nia! Ki nia?! Ki cviblaš?! –
San mu zaueku.

Ma nia odguoru,
samuo j doluožu
- Je fineta! –

- Je fineta… Kaj fineto? – san zaueku.

- Usé j fineto, mi smo fineti, an z nam usé. –
Je takuo srepuo zarjù,
dej bluo za se ga ustrašt
nale ki je biu na delečín.
Za tuo san nameniu de je buojš ga pustit par mieru.
- Ben nu, Bepo, bodimo pokojeni,
an potroštimose, če mormo. Se videma! –

Nia odguoru; j šu vas oklatjen z glavo spregnjeno do tleh.

San začeu cviblat:
kaj fineto,
zakaj fineto,
zauojo kogá j fineto?

So me začele hodit tu pamet puno rečì finete
An san zastopu za ka so finete
An še buj jasno zauoj kogá so finete.
Tarkaj puno rečì de san zaueku an jest z Beponan:
- je fineta!
Ma ne brez priet preklet usé tiste zauojo katerih je usé fineto.

E’ finita!

Tutto è finito!
Ma non senza prima maledire tutti quelli per colpa dei quali tutto è finito.


Mesi e mesi non c’era
né in cielo né in terra!
Lo attendevo agli incroci,
ai luoghi del riposo,
in chiesa la domenica,
ma non c’era affatto.

Dio ci guardi, mi dicevo,
non sarà mica morto!
Poi un giorno
lo vidi da lontano
e iniziai a gesticolare.

Ma non mi vide,
così iniziai a inseguirlo.
Ma guizzava come un codirosso
e io dietro di lui,
come lo scoiattolo che salta
da un ramo all’altro.

-Ma Bepo, vuoi farmi soffocare?
Gridai,
quando sembrava che mi potesse sentire.

Si voltò di scatto, si fermò e scrollò la testa:
-Non c’è, non c’è,
non c’è nulla.

-Non c’è, non c’è! Cosa non c’è?! Cosa blateri?
Gli gridai.

Ma non mi rispose,
solo aggiunse:
-è finita!

-E’ finita… Cosa è finito? – gridai.

-Tutto è finito, noi siamo finiti, e con noi tutto.

Gridò così ferocemente,
che era il caso di spaventarsi
anche se si trovava lontano.
Per questo decisi che era meglio lasciarlo in pace.
Su, su, Bepo, stiamo quieti,
e consoliamoci, se riusciamo. Ci vedremo!

Non ha risposto; se ne andò tutto abbattuto con la testa prona fino a terra.

Iniziai a rimuginare:
-cosa è finito,
-perchè è inito,
-per colpa di chi è finito?

Iniziarono a venirmi in mente tante cose finite.
E ho capito perché sono finite.
E ancor più chiaramente per colpa di chi sono finite.
Così tante cose che gridai anch’io con Bepo:
-E’ finita!

Ma non senza prima maledire tutti quelli per colpa dei quali tutto è finito.




Questo sito, realizzato e finanziato interamente dai soci, è completamente independente ed amatoriale.
Chiunque può collaborare e fornire testi e immagini a proprio nome e a patto di rispettare le regole che trovate alla pagina della policy.
Dedichiamo il sito a tutti i valligiani vicini e lontani di Pulfero, San Pietro al Natisone, Savogna, Stregna, Grimacco, San Leonardo, Drenchia, Prepotto e di tutte le frazioni e i paesi.

www.lintver.it
© 2000 - 2020 Associazione Lintver
via Ponteacco, 35 - 33049 San Pietro al Natisone - Udine
tel. +39 0432 727185 - specogna [at] alice [dot] it