Pridejo krajetari

Sveti trije Kraji pridejo obiskavat Ježuša
[1]Ježuš sej rodiu u Betlemu Judeje, cajtu kraja Erodeža. Niešni Kraji so paršlì od jutrovega u Jerusalemu an so poprašuval: [2]«Kie je Judejski kraj, ki sej rodiu? Smo vidli ustat njegá zviezdo an smo paršlì ga častit». [3]Kár j čú tele besiede, kraj Erodež je ostú zgànjen an z njin usá Jeruzalem. [4]Je zbrau usé venčne gaspuode an pisarnike folka an sej zmenjavu par njih gor na prestor tuk sej meu rodit Krištuš. [5]Mu so odguoril: «U Betlemu Judee, zuok takuo j pisano s prerokan:

[6]An ti, Betlem, zemjá Judee,
nies zaries te narbuj majhan kráj Judee:
od tebé pride ries an poglavar
ki bo pasu muojga folka, Izraela.


[7]Antadá Erodež i poklicu poškriuš krajetarje an sej stuoru poviedat od njih natancin cajt u katerin sej bla parkazala zviezda [8]an jih je pošjú u Betlehemu an jih je silu: «Biešta an zmenitase skarbno na otroká an, kár ga ušafata, povejtame, za de puojden tud jest ga častit».

[9]Potlé ki so čul kraja, oní so se pobral. An lej zviezda, ki so jo vidli veliest, jih je pretiekala, dok j rivala an sej ustabla na prestor tuk sej najdu otrók. [10]Kar so vidli zviezdo, so se močnuo poveselil. [11]Kar so stopnil tu hišo, so zagledal puoba z Marijo njega materjo, so se parklonil an so ga častil. Potlé so odparli njih skrinje an so mu podaril zlatuo, vieruh an mìro. [12]Vizani potlé tu sanjo za se na uračat čeh Erodežu, po drugi pot so se uarnil u suojo vas.

Ježuš u Egitu

[13]Oní so glih bli šlì, kár Gaspuodu anjovac sej parkazu Jožofu u sanjia an muj jau: «Ustán, uzám za tabo puoba an njega mater, utéc u Egitu an ostan tan dok te na vizan, zakí Erodež gleda otroká za ga ubit».

[14]Jožof, ku sej zbudu je uzeu po noč za sabo puoba an njega mater an je uteku u Egitu, [15]tuk je ostú do smartì Erodeža, za de sej komplilo kàr je bluo rečenó od Gospuoda s prerokan:

Taz Egita san poklicu muojga snu.

La visita dei Magi

[1]Gesù nacque a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode. Alcuni Magi giunsero da oriente a Gerusalemme e domandavano: [2]«Dov'è il re dei Giudei che è nato? Abbiamo visto sorgere la sua stella, e siamo venuti per adorarlo». [3]All'udire queste parole, il re Erode restò turbato e con lui tutta Gerusalemme. [4]Riuniti tutti i sommi sacerdoti e gli scribi del popolo, s'informava da loro sul luogo in cui doveva nascere il Messia. [5]Gli risposero: «A Betlemme di Giudea, perché così è scritto per mezzo del profeta:

[6]E tu, Betlemme, terra di Giuda,
non sei davvero il più piccolo capoluogo di Giuda:
da te uscirà infatti un capo
che pascerà il mio popolo, Israele.

[7]Allora Erode, chiamati segretamente i Magi, si fece dire con esattezza da loro il tempo in cui era apparsa la stella [8]e li inviò a Betlemme esortandoli: «Andate e informatevi accuratamente del bambino e, quando l'avrete trovato, fatemelo sapere, perché anch'io venga ad adorarlo».
[9]Udite le parole del re, essi partirono. Ed ecco la stella, che avevano visto nel suo sorgere, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. [10]Al vedere la stella, essi provarono una grandissima gioia. [11]Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, e prostratisi lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra. [12]Avvertiti poi in sogno di non tornare da Erode, per un'altra strada fecero ritorno al loro paese.

Fuga in Egitto e strage degli innocenti

[13]Essi erano appena partiti, quando un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe e gli disse: «Alzati, prendi con te il bambino e sua madre e fuggi in Egitto, e resta là finché non ti avvertirò, perché Erode sta cercando il bambino per ucciderlo».
[14]Giuseppe, destatosi, prese con sé il bambino e sua madre nella notte e fuggì in Egitto, [15]dove rimase fino alla morte di Erode, perché si adempisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta:
Dall'Egitto ho chiamato il mio figlio.

Questo sito, realizzato e finanziato interamente dai soci, è completamente independente ed amatoriale.
Chiunque può collaborare e fornire testi e immagini a proprio nome e a patto di rispettare le regole che trovate alla pagina della policy.
Dedichiamo il sito a tutti i valligiani vicini e lontani di Pulfero, San Pietro al Natisone, Savogna, Stregna, Grimacco, San Leonardo, Drenchia, Prepotto e di tutte le frazioni e i paesi.

www.lintver.it
© 2000 - 2020 Associazione Lintver
via Ponteacco, 35 - 33049 San Pietro al Natisone - Udine
tel. +39 0432 727185 - specogna [at] alice [dot] it