Smartustajenje Ježuša

Ježušova smart

[45]Opudan sej nardila tamá tana usian svietu, do treh popudan. [46]Okuole tri, Ježuš j močnuo zaueku: «Elì, Elì, lamà sabactàni?», ki pride reč: Muoj Buog o muoj Buog, za ka sme zapustu?. [47]Kár so čul tuole, kajšni ki so bli áto so guaril: «Tele kliče Elija». [48]An subto dan od njih j leteu po gobo, joj parpeu gor na no kano an muj dajavu za pit. [49]Ti druzi so guaril: «Pust! Bomo vidli al pride Elija ga rešavat!». [50]Pa Ježuš nazaj j močnuo zaueku an j spustu dušico.

[51]An lej, tempilnu vel sej pretargu na dva kraja, goz čimana do koncá, zemjá sej stresla, čèla so se prelomile, [52]grobišča so se odparle an puno telesu svečeniku, ki so bli umarli, so od smartì ustal. [53]Potlé ki so šli uonz groba so stopnil u sveto miesto an so se parkazal punin. [54]Čenturion, an tisti ki z njin so vahtal Ježuša, kar so vidli potres an usé kar sej gajalo, jih je parieu an velik strah an so guaril: «Zaries tel j biu Sin Božji!».

[55]J bluo tan tudi puno žen, ki so gledale od delečá, oné so hodile za Ježuša od Galileje za ga sluzit. [56]Miez telih so ble Marija taz Magdala, Marija mat Jakumina an Jožofa, an mat sinuovu Zebedeja.

La morte di Gesù

[45]Da mezzogiorno fino alle tre del pomeriggio si fece buio su tutta la terra. [46]Verso le tre, Gesù gridò a gran voce: «Elì, Elì, lemà sabactàni?», che significa: «Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?». [47]Udendo questo, alcuni dei presenti dicevano: «Costui chiama Elia». [48]E subito uno di loro corse a prendere una spugna e, imbevutala di aceto, la fissò su una canna e così gli dava da bere. [49]Gli altri dicevano: «Lascia, vediamo se viene Elia a salvarlo!». [50]E Gesù, emesso un alto grido, spirò.
[51]Ed ecco il velo del tempio si squarciò in due da cima a fondo, la terra si scosse, le rocce si spezzarono, [52]i sepolcri si aprirono e molti corpi di santi morti risuscitarono. [53]E uscendo dai sepolcri, dopo la sua risurrezione, entrarono nella città santa e apparvero a molti. [54]Il centurione e quelli che con lui facevano la guardia a Gesù, sentito il terremoto e visto quel che succedeva, furono presi da grande timore e dicevano: «Davvero costui era Figlio di Dio!».
[55]C'erano anche là molte donne che stavano a osservare da lontano; esse avevano seguito Gesù dalla Galilea per servirlo. [56]Tra costoro Maria di Màgdala, Maria madre di Giacomo e di Giuseppe, e la madre dei figli di Zebedèo.

Mateuž - Kapitul 28

Grob prazan
[1]Po saboto, zjutra parvega dne tiedna, Marija taz Magdala an ta druga Marija so šle gledat grobišče. [2]An lej, j biu an velik potres an Gaspuodu anjovac, ries, j stopnu doz nebesih, sej parbližu, je prevargu kaman an sej luožu sedet na njin. [3]Njegá podoba j bla ku busk an njegá oblieka biela ku snieh. [4]Za strahan ki so imiel do anj, vahti so bli arstreseni an so ostal ku martví. [5]Anjovac je jau ženán: «Vi na buojtase! Vian de gledata Ježuša, te križanega. [6]Nie tlè. Je od smartì ustú, ries, takuok je biu jau; pujta, lejta prestor tuk je biu položen. [7]Hitro, biesta an recita njegá dišepulnan: Je od smarti ustú, an sa vas pretieka u Galileji; tan ga bota vidli. Lejta, jest san van poviedu». [8]Potle ki so pustile naglo grobišče s strahan an z veliko vesejé, žené so letiele za dat novico njegá dišepulnan.

Matteo - Capitolo 28

La tomba vuota. Messaggio dell'angelo [1]Passato il sabato, all'alba del primo giorno della settimana, Maria di Màgdala e l'altra Maria andarono a visitare il sepolcro. [2]Ed ecco che vi fu un gran terremoto: un angelo del Signore, sceso dal cielo, si accostò, rotolò la pietra e si pose a sedere su di essa. [3]Il suo aspetto era come la folgore e il suo vestito bianco come la neve. [4]Per lo spavento che ebbero di lui le guardie tremarono tramortite. [5]Ma l'angelo disse alle donne: «Non abbiate paura, voi! So che cercate Gesù il crocifisso. [6]Non è qui. E' risorto, come aveva detto; venite a vedere il luogo dove era deposto. [7]Presto, andate a dire ai suoi discepoli: E' risuscitato dai morti, e ora vi precede in Galilea; là lo vedrete. Ecco, io ve l'ho detto». [8]Abbandonato in fretta il sepolcro, con timore e gioia grande, le donne corsero a dare l'annunzio ai suoi discepoli.

Questo sito, realizzato e finanziato interamente dai soci, è completamente independente ed amatoriale.
Chiunque può collaborare e fornire testi e immagini a proprio nome e a patto di rispettare le regole che trovate alla pagina della policy.
Dedichiamo il sito a tutti i valligiani vicini e lontani di Pulfero, San Pietro al Natisone, Savogna, Stregna, Grimacco, San Leonardo, Drenchia, Prepotto e di tutte le frazioni e i paesi.

www.lintver.it
© 2000 - 2019 Associazione Lintver
via Ponteacco, 35 - 33049 San Pietro al Natisone - Udine
tel. +39 0432 727185 - specogna [at] alice [dot] it