Kua san zgubo vicih od igranja na sude

San se parsegu de na bòn maj vič igru na sude.
Tle par nas, caite nazaj, jih nie blua velicih parložnost za ğualdit: judiè, stàr an mladì, so se ušafuval kupe čez tiadan samuo po diale, čeh nuač, ol pà tu nediajo, po maš an po kosile naprej do nuač. So se zbiaral tan po magazenah an tu oštariah; tentega jih nia mankalo tu usaki vasí. Ato, par parvič so se pravli njh zgodbe, potada so se zbral za vrieč kako partido tu karte; če jih je bluo puno telih igraču, so vargli “briškolo na šest” triè par kraj mize, tista dva tu sretu so kuazoval žuh; so igral tud “kuintiljo” na pet igraču. Če je bluo malo moških, so vargli pa ”briškolo na štier” al pa so igral, na dvà al na triè, trešjet, škopon, škopo an terciljo. Usake dvie partide, oštier je parnesu na mizo pjačo: pu litra na štiari, ciau litro na šest (so plačal tisti ki so zgubil), po navad, tud ”gaspuad”, tist ki je kontrolavo od zuna de usi so pravično igral, je piu zastonj. Ženske, po navad, niaso maj igrale tu karte, tu oštarijo so stopnile samuo za prid klicat možè, kar so se zabil na duam.

Tle je uriedno poviedet adno kuštno: je biu an mož taz Tarčeta (je meu nimar fajfo tu ustah) jo nie pustu adnè partide tu kartah (je biu u penzjonu). An dan san ga sreču po pòt, san ga ustabu, an san ga poprašu: “Povejteme nunac, al je maj paršla po vas žena tu ostarijo?” – “Ne” - me je odguaru - …počai no malo! Za jo reč tu glih, an dan je paršla me kicat… - no malo potle san se ušafu puno roko lasè… - al boš viarvo di nie vič paršla po me!

Ženske kar so ble fraj od diala (žè po riatko!) so se zbiarale ta po hišah an so se pravle njh kuante: tela je bla takuo obliačena, te druga runa rogè mošù… an takuo naprej! Kar pa je biu kajšan velik guad, so igrale “tombolo”z otruak za veselo pasat cait!

Čeh nuač, kar so bli že “kuražni”, moški so začel igràt pa tu “moru” na parste; tel zadnji žuh jih je rat zagréu: nomalo zak kajšan je gajufú s parstami, no malo za uoj pjače; po gosto je paršla uon barufa an druh dan so se videle okuale tele čarné ocì an kaka glava ovežena.

Riatko so igral na sude! (zak tud jih nie bluo dost po rokah). Tlè u naši vas, so poznal an sam žuh s kartam na sude: sej klico “beštja”, so ga po riatko špilal ; u Petjaze je bla paršla uon navada igrad “beštjo” samuo kar sej začeu dol kidat sniah, so bli usi veseli an so se sbral tu oštario (po zime nia bluo dost diala); Ližo, ki je biu dobar godac z ramoniko, nia maj zmanku! Tenčas so začel igrat: niaso blè maj velike ratinge, so bli takuo parjeti tu tel žuh, ki ura je šla naglo naprei: je paršla nuač, se nie vič videlo skuaze okna, kar je stopno nòt u ostarijo Flip (smiašan mož ki jih je znu pravt), an je zaueku: SEJ USTABU SNIAH!!! Ližo sei oglednu ču anj, blìat tu gobac, an muj odguaru: NA GUAR TAKUO!!!

Buj naprej so paršlè uon druge novè igrè, so jih parneslì blizo tisti domač judje ki so se uarnil od svetà. Adan od telih žugù je biu “poker”; so ga začel igrat tan po oštariah, posebno ti mladi “emigrant”, ki so blì zašlužil kako palanko. Groznuo zbiaranje telih igračo, je bluo tan u Tarčete, par Bertošovi oštariji: ato sej igralo močnè ratinge; tud jest ki san se biu uarnú goz Zvicere, san biu začeu s telin žugan. Po navad, san uduabu, san zgubu, nimar maihane ratinge, san ostajo le na muajh. No nuač mej začela parhajat ta dobra karta, roka za rokò; nad zadnjo san biu uduobu sedanajst toušint franko; je blua puno sudu tistih cajtu!!! Od vesejà san plaču za pìt usian klijentan, an ostiarju: san popopu vič ku pù uduabe! Ne dva-tri dni potada, san se uarnu igrat nanuavič; tisto nuač je šlua usé u vačjo, takuo de san sgubo OSANAJST TOUŽINT franku, pa obedan me nia plačo nanča za pìt. San ostú takua slavo, de san se parsegu de na bòn maj vič igru na sude! Tela “nasreča”, na zadnjo, je bla za mè narguarš sreča. San zapusto tist vicih za vekomaj!

Come ho perso il vizio del gioco d’azzardo

Nei tempi passati, dalle nostre parti, non c’erano grosse occasioni di divertimento: durante la settimana sia i giovani che gli anziani, si incontravano solo dopo il lavoro,alla sera. Alla domenica invece ci si trovava dopo messa e dopo pranzato fino a sera. Ci si incontrava nelle osterie e nelle fiaschetterie che a quel tempo non mancavano certo nei paesi. In quei posti la gente, si raccontava le proprie esperienze, poi si radunava in squadre per giocare a carte. Se i giocatori erano in buon numero, allora giocavano la briscola in sei: disposti tre per parte del tavolo, i due centrali, conducevano il gioco; si giocava pure il “quintilio”in cinque giocatori. Quando invece i giocatori scarseggiavano, il gioco era la briscola in quattro oppure il “tresette”,in tre, si giocava il “tersilio” in due si giocava la “scopa”o lo “scopone. Ogni due partite e la terza buona, l’oste portava in tavola il bere: di solito vino rosso, mezzo litro in quattro giocatori, un litro in sei: chi perdeva pagava! C’era sempre un arbitro che da fuori delle partite, controllava che nessuno imbrogliasse! Quello aveva il diritto di bere a gratis (di solito era sempre uno scarso di soldi). Le donne, di norma, non giocavano mai a carte: mettevano piede in osteria solo per recuperare i mariti che avevano smarrito la strada di casa. Su questo argomento merita ricordare un aneddoto: A Tarcetta, abitava un uomo anziano, (un pensionato dell’Italcementi) aveva sempre una pipa in bocca, grande appassionato del gioco a carte; un giorno lo incontrai per strada, ci mettemmo a chiacchierare,così gli chiesi: Mi dica una cosa, vostra moglie, è mai venuta a prendervi in osteria? No! Mai! Mi ha risposto, aspetta un momento! a dire il vero, una volta è venuta a prendermi! poco dopo, mi sono trovato in mano una ciocca di capelli, mi credi che non è più tornata a chiamarmi? Le donne, le rare volte che erano libere dalle loro faccende domestiche, si riunivano da una casa all’altra, dalle amiche, lì iniziavano a raccontarsele: questa era vestita così, quell’altra fa le corna al marito e così via! Quando c’era in paese qualche festa importante, le donne con i bambini, giocavano a tombola per passare allegramente il pomeriggio! Gli uomini, verso sera, quando erano belli allegri, si mettevano a giocare a “morra”; quest’ultimo gioco scaldava facilmente gli animi: un po’ perche qualcuno di loro cercava di imbrogliare cambiando le dita sul tavolo,un poco perche le abbondanti libagioni iniziavano a fare effetto,alcune volte scoppiavano delle vere baruffe e non era raro il giorno appresso vedere in giro occhi neri e teste fasciate. Raramente si giocava a soldi (non ce n’erano molti per le tasche); nel mio paese si giocava un solo gioco d’azzardo: la “bestia”. A Ponteacco aveva attecchito un’abitudine che era diventata una tradizione: si giocava quel gioco a soldi appena iniziava a nevicare, al pomeriggio l’osteria si riempiva di giocatori e di curiosi. Liso, gran suonatore di fisarmonica non mancava mai! Non si giocavano mai grosse somme! I giocatori erano tanto presi dal gioco che non si accorgevano del tempo che passava; il buio oramai impediva di vedere oltre i vetri delle finestre, quando in osteria entrò Flip (uomo molto simpatico e molto scherzoso, aveva sempre la battuta pronta) anche quella sera, si rivolse ai presenti dicendo ad alta voce :HA SMESSO DI NEVICARE! NON SI GIOCA PIU’! Liso, pallido in viso, lo guardò contrariato e gli disse: NON DIRE COSI’!!!

Anni dopo vennero fuori nuovi giochi a soldi, li avevano portati dall’estero gli emigranti. Il “poker” era il più gettonato, lo giocavano specialmente i giovani emigranti che avevano guadagnato qualche soldo per il mondo. Un grande richiamo di “pocheristi” era l’osteria “da Bertos” a Tarcetta, là si giocavano anche grosse somme; io pure che ero ritornato dalla Svizzera, mi recavo a giocare in quel posto: vincevo e perdevo piccole somme, restavo sempre sui miei soldi. Una sera la carta si mise a girare a mio favore: vincevo mano dopo mano, risultato: 17 mila lire di vincita! Era una grossa somma per quei tempi! Così mi misi a pagar da bere a tutti, oste compreso, spesi metà vincita, poi felice me ne tornai a casa. Ritornai a giocare tre giorni dopo: la carta non girava ma io non demordevo! mi andò tutto storto! Risultato: sotto di 18 mila lire … con la differenza che i vincitori quella sera non pagarono neanche da bere! Rimasi così male che giurai a me stesso che non avrei mai più giocato a soldi e così fu. Quella sfortunata serata, fu la mia più grande fortuna: persi quel brutto vizio per sempre!!!
Renzo Onesti

Questo sito, realizzato e finanziato interamente dai soci, è completamente independente ed amatoriale.
Chiunque può collaborare e fornire testi e immagini a proprio nome e a patto di rispettare le regole che trovate alla pagina della policy.
Dedichiamo il sito a tutti i valligiani vicini e lontani di Pulfero, San Pietro al Natisone, Savogna, Stregna, Grimacco, San Leonardo, Drenchia, Prepotto e di tutte le frazioni e i paesi.

www.lintver.it
© 2000 - 2018 Associazione Lintver
via Ponteacco, 35 - 33049 San Pietro al Natisone - Udine
tel. +39 0432 727185 - specogna [at] alice [dot] it