CUMINO DEI PRATI - KUMIN

(Carum carvi L.)

Presenta foglie bi-tripennate, con la coppia di segmenti più prossimali crociata;
la punta della foglia, in genere non è più larga di 1 mm;
fiori in toni dal bianco al rosa;
frutti sempre divisi in parti separate, lunghe 3-7 mm leggermente ricurve, di colore marrone scuro e con 5 nervature in rilievo più chiare.

Fino al Medioevo venivano usati al posto e con lo stesso nome del cumino dei prati i frutti grigio-nerastri del vero cumino (Cuminum cyminum L), originario del Mediterraneo orientale.
Questi frutti vengono a volte usati ancora come spezie in certi formaggi olandesi.

Semi, essenza - Principali costituenti

Una discreta quantità di oli essenziali, tra i quali il principale è il carvone; flavonoidi.

Proprietà

Il cumino dei prati presenta diverse caratteristiche terapeutiche:
per os è uno stimolante e stomachico gastrico, un antispasmodico e carminativo, un diuretico e vermifugo; facilita le mestruazioni; per uso esterno è un parassiticida.

Indicazioni terapeutiche

Grazie all’efficace azione spasmolitica viene utilizzato (in maniera analoga al finocchio, anice e coriandolo) come carminati.

Modo d’impiego

Frantumare o triturare 1-5 g di cumino dei prati immediatamente prima dell’uso e versarvi sopra dell’acqua bollente.
Filtrare dopo 10-15 minuti (lasciare in infusione in recipiente coperto!): un cucchiaino da thé corrisponde a circa 3,5 g.
Una tazza dopo ogni pasto.

L’utilizzo dell’essenza: 3-5-7 gocce più volte al giorno, su una punta di zucchero.

Medicina popolare

In Istria si prepara un’ottima acqua carminativa, chiamata volgarmente Vindaser (da Windwasser) con cumino e anice in parti uguali.
Nella zona di Sappada si usa fare un decotto con i semi bolliti nel latte.
Questo, preso molto caldo, fa cessare subito i dolori intestinali dovuti per esempio ad una congestione.

Messi nel pane di segale i semi hanno proprietà digestive: da questo punto di vista il kummel è un condimento culinario comune a tutta l’area slavo tedesca (ma anche araba per la pasticceria) nella preparazione di salse, salsicce, crauti, cavoli, ecc...
Nella zona di Ovaro si prepara la grappa al cumino;
si pone una manciata di semi essiccati in un litro di grappa e si filtra dopo un mese circa.
Ha effetto sia aperitivo che digestivo, quindi se ne può prendere un bicchierino sia prima che dopo i pasti.

Con i semi si può fare anche un infuso in acqua calda, indicato nei casi di insonnia, anche dei lattanti e nel caso di mestruazioni dolorose, insieme ad un’ugual parte di camomilla e maggiorana.
Entra anche nella dieta delle puerpere come galattagogo.

Curiosità

Preparazione dell’acquavite di carvi (formula pressoché conosciuta in tutta l’area europea):
alcool assoluto 1 litro,
semi di carvi 40 grammi,
zucchero 200 grammi,
far macerare 8 giorni,
poi chiarificare.
Un piccolo bicchiere da liquore dopo i pasti.
Dott. Franco Fornasaro

Questo sito, realizzato e finanziato interamente dai soci, è completamente independente ed amatoriale.
Chiunque può collaborare e fornire testi e immagini a proprio nome e a patto di rispettare le regole che trovate alla pagina della policy.
Dedichiamo il sito a tutti i valligiani vicini e lontani di Pulfero, San Pietro al Natisone, Savogna, Stregna, Grimacco, San Leonardo, Drenchia, Prepotto e di tutte le frazioni e i paesi.

www.lintver.it
© 2000 - 2018 Associazione Lintver
via Ponteacco, 35 - 33049 San Pietro al Natisone - Udine
tel. +39 0432 727185 - specogna [at] alice [dot] it