MENTA - META

(Menta longifolia (L.) Huds. emend. Harley)

Ci si può riferire, però, anche. a Mentha piperita L., specie derivata dall’incrocio tra Mentha aquatica L. e Mentha spicata L., molto aromatica come tutte le specie di menta, pianta coltivata già nell’antichità e occasionalmente inselvatichita.

foglie e sommità fonte

In generale la pianta si presenta con foglie allungate-ovate, appuntite, chiaramente peduncolate, dentate, con margine piano e con fiori in lunghe infiorescenze a forma di spiga, a capolino nei rami laterali.

Principali componenti

Un olio essenziale ricco di mentolo, suoi esteri, mentone, mentofurano ed altri monoterpeni.

Proprietà

E’ uno stimolante del sistema nervoso e un tonico generale.
Stomachico e antispasmodico gastrico e colico, carminativo e moderato analgesico intestinale.

E’ un emmenagogo e leggermente afrodisiaco.
A forti dosi ostacola il sonno.

Indicazioni

Viene impiegata contro i crampi e spasmi intestinali, contro le gastriti ed enteriti, acute e croniche le flatulenze e nelle colecistopatie croniche.

L’azione viene determinata prevalentemente, ma non esclusivamente, dal contenuto in olio essenziale, la cui azione diretta sugli organi e la muscolatura liscia determina una spasmolisi più intensa di quella provocata dai suoi singoli componenti.

Modo di utilizzazione

Infuso:
un cucchiaio da frutta di foglie per una tazza di acqua bollente;
tre tazze al giorno, dopo o tra i pasti.

Essenza:
2-5 gocce più volte al giorno, in pozione o sopra un po’ di zucchero
(negli spasmi ogni 5 minuti, per non più di 3-4 volte).

Tintura madre
25-30 gocce 3 volte al giorno dopo i pasti
Frizioni per uso esterno:
per alleviare le emicranie, le nevralgie dentarie.

Assieme alla lavanda la menta entra nella composizione della classica pomata di Helmerich contro la scabbia.

Medicina popolare

Nel Sappadino il decotto delle foglie assieme ad un eguale quantità di radice di valeriana è usato come calmante negli stati ansiosi.
Inoltre le parti verdi della pianta, seccate e ridotte in polvere, vengono mescolate a patate lesse e schiacciate:
il composto ottenuto è usato come ripieno per ravioli che vengono poi conditi con burro fuso e ricotta grattugiata.

Raccomandatissima è l’aggiunta di alcune foglie di menta alle insalate e alle verdure.

Contro l’arresto delle mestruazioni:
un pizzico di foglie di menta, di rosmarino, di artemisia, di salvia;
tenere in infusione a freddo per 8 giorni in 2 litri di vino rosso.
Passare.
Un bicchierino alla mattina, a digiuno, per 10 giorni.

Sciroppo di menta:
30 g di foglie fresche a macerare per 7 giorni in 650 g di alcool a 70 gradi, aggiungendo 350 g di sciroppo semplice.
La preparazione si assume a cucchiai come digestivo.
Dott. Franco Fornasaro

Questo sito, realizzato e finanziato interamente dai soci, è completamente independente ed amatoriale.
Chiunque può collaborare e fornire testi e immagini a proprio nome e a patto di rispettare le regole che trovate alla pagina della policy.
Dedichiamo il sito a tutti i valligiani vicini e lontani di Pulfero, San Pietro al Natisone, Savogna, Stregna, Grimacco, San Leonardo, Drenchia, Prepotto e di tutte le frazioni e i paesi.

www.lintver.it
© 2000 - 2018 Associazione Lintver
via Ponteacco, 35 - 33049 San Pietro al Natisone - Udine
tel. +39 0432 727185 - specogna [at] alice [dot] it