Mons. Angelo Cracina


Breve vita di mons. Cracina,
per lunghi anni parroco di San Leonardo e autore una una interessante pubblicazione:
GLI SLAVI DELLA VAL NATISONE.
L'ultimo saluto a mons. Cracina "Fu sacerdote pio, zelante, fedele al suo sacerdozio", così l'arcivescovo mons. Alfredo Battisti ha definito mons. Angelo Cracina nell'omelia della liturgia pasquale di commiato svoltasi nel duomo di Cividale martedì 22 settembre.

Nel ripercorrere le tappe della vita sacerdotale l'arcivescovo si è soffermato in particolare sui 29 anni trascorsi da mons. Cracina nelle valli dei Natisone: a Vernassino prima e poi a San Leonardo. Qui egli "si inserì in pieno nell'anima e nella cultura di questa zona", imparò lo sloveno e il dialetto e si adoperò perché non venisse perduto quel grande patrimonio culturale.

Di carattere "forte, fiero e deciso non lo intimidirono le accuse di antiitalianità" che gli venivano mosse per questo suo impegno. Citò in tribunale i suoi accusatori che furono condannati per diffamazione. Durante la guerra fu vicino alla sua gente e nell'aprile del 1945, poichè conosceva il russo e il tedesco, trattò la resa dei cosacchi; per questo gli fu attribuita la croce di guerra.

L'arcivescovo ha sottolineato l'impegno culturale di mons. Cracina, le sue pubblicazioni, i suoi studi di liturgia a Padova e di teologia presso la pontificia università del Laterano coronati con la laurea nel 1974.

Mons. Battisti ha poi ricordato i sedici anni trascorsi da mons. Cracina nella parrocchia di Buia e il suo avoro nell'opera di ricostruzione dopo il terremoto del 1976 portando a termine la ristrutturazione della casa della gioventù, del campanile e della scuola materna.
Nel 1982 fu nominato canonico dell'Insigne Collegiata di Cividale e in questi anni, ha detto l'arcivescovo, ha continuato "il suo impegno di studio e di ricerca sugli sloveni delle valli del Natisone".
La santa Messa di suffragio, presieduta dal da mons. Battisti, è stata concelebrata dal vescovo ausiliare mons. Pietro Brollo, dal parroco di Cividale, mons. Modotti, dal decano del Capitolo, mons. Zorzini, da don Giordano Cracina, nipote del defunto, e da una ottantina di sacerdoti.

Alcuni di essi sono venuti dalla vicina valle dell'Isonzo e dalle diocesi di Trieste e di Gorizia. Fra i presente anche il vescovo mons. Emilio Pizzoni.
A1 termine della celebrazione l'arciprete di Cividale ha dato lettura del testamento sparituale di mons. Cracina: uno scritto breve nel quale il defunto ringrazia Dio per la fede, il battesimo e il dono del sacerdozio e quanti, genitori, educatori, maestri, benefattori e sacerdoti, lo hanno aiutato a vivere la sua fede e il suo sacerdozio.
Infine mons. Cracina chiede perdono per tutte le sue mancanze e "la carità di essere ricordato nelle preghiere".
I1 duomo era gremito da una grande folla di fedeli della Città Ducale e provenienti dalle va1li del Natisone, da Buia e dalla nativa Raschiacco di Campeglio.

A dare l'ultimo saluto a mons. Cracina c'erano anche numerose autorità cittadine, provinciali e della vicina Slovenia.

življenska pot msgr. Kracine

Douga življenska pot monsinjorja Angela Cracina je začela 16. obrila 1909 v vasi Raschiacco, fara Čjampej, kamun Fuojda. Tata Valentin, kmet an zidar, se je biu preseliu v Raschiacco iz slovenske vasi Brezje (Tipana); mama pa je bila Amalia Bon iz Colugne, blizu Vidna.
Po elementarnih šuolah v Čjampeju mali Angelje šu v videnski seminar, kjer je napravu sriednje šuole in teologijo. Po posvečenju 23. luja 1933 nadškof Giuseppe Nogara je pošju mladega duhovnika kot kaplana v Paularo (Karnija).
Tam gor g. Cracina je ostu tri lieta (33-36) in od tistih ljudi in tistega kraja bo ohranu liep spomin. Potle je biu kaplan v Huminu (Genova) do lieta 1937, kiar je biu imenovan za kurata v Gorenjem Barnase.
Tam gor, četudi je bila v veljavi Mussolinjeva prepoved o rabi slovenskega jezika v cierkvi, se je naučiu domači dialekt an ga nucu, kar je mogu, v pastoralnem dielu.

Lieta 1939 je biu imenovan za famoštra velike in stare podutanske fare Svetega Lienarta. Tam je napravu veliko diel v desetih cierkvah in je zazidu dvie nove kapele:
Lurške Matere božje v Utani in Fatimske Device Marje v Dolenji Miersi.
Od 1933. do 1939. lieta je biu asistenti mladih upisanih v Katoliški akcji; do lieta 1943 je biu kaplan od Gil in potada kaplan (tenent) Mvsn (Milizia volontaria sicurezza nazionale).

Med drugo svetovno uojsko g. Cracina je biu blizu ljudem v težkih in nevarnih momentih; riešu je življenje številnim ljudem in sudadam in zatuo ki je poznu slovienski, niemški in ruski jezik je vičkrat imeu stike s poglavarji okupatorske vojske in s partizani.

Po uojski so začeli še buj težki cajti za g. Cracino in za druge slovenske duhovnike ki so nucali slovenski izik v cierkvi.
Domaci list "I1 Tricolore", in potle "La vedetta del Natisone" sta ga začela napadati že v lietih 1945-46, a se nie podau.
Pisu je prefektu Candoliniju, ki mu je odgovoriu, de duhovniki lahko nucajo slovenski izik v cierkvi. Preganjanje pa nie genjalo.
Messaggero Veneto in Corriere della sera sta ga strupeno napadala. Pruoti njim je uluožu tožbo, a io je muoru na pritisk nadškofa Nogare buj pozno umakniti.

Miesca otuberja lieta 1954 sta začela napadati g. Cracino lista Friuli Liberale in Arena di Pola.
Četudi nadškof mu je prepoviedu je tožu oba lista. Proces se je konču z obsodbo uredniku lista. Lieta 1966 je biu imenovan za famoštra in dekana v Buji in tam je preživeu težke cajte potresa, ki je huduo zajeu tisto cono.
Kar je biu v Buji, se je vpisu na cerkvene univerze: v Padovi, kjer je dosegu diplomo iz liturgije (1968), v Rimu na Lateranski univerzi pa ličenco iz teologije (1971) in doktorat iz pastoralne teologije (1974).

Lieta 1982 g. Cracina je postau kanonik čedajskega kapitelja in od tekrat je začeu buj tesnuo sodelovati z našim listom.
Biu je clan nadzornega odbora naše kooperative in z njegovimi nasveti nani je veliko pomagu in dajau kuražo iti naprej po poti, ki je pot usieh kristjanu, ki ljubjo našo slovensko kulturo.

Di Mons. Cracina vedi nella cartella
CULTURA - note storiche
il file GLI SLAVI DELLA VAL NATISONE
(la prima parte della sua tesi di laurea)
DOM - Leto XXVII. št. 17 - 30. septembra 1992

Realizzazione della pagina Nino Specogna

Questo sito, realizzato e finanziato interamente dai soci, è completamente independente ed amatoriale.
Chiunque può collaborare e fornire testi e immagini a proprio nome e a patto di rispettare le regole che trovate alla pagina della policy.
Dedichiamo il sito a tutti i valligiani vicini e lontani di Pulfero, San Pietro al Natisone, Savogna, Stregna, Grimacco, San Leonardo, Drenchia, Prepotto e di tutte le frazioni e i paesi.

www.lintver.it
© 2000 - 2018 Associazione Lintver
via Ponteacco, 35 - 33049 San Pietro al Natisone - Udine
tel. +39 0432 727185 - specogna [at] alice [dot] it