Sanctus Petrus Slavorum


L'antica titolazione parrocchiale, in uso da tempi immemorabili, fu sostituita negli anni 1932-33
Da tempo circola nella Slavia friulana una pseudocultura che mira a scardinare secolari certezze in barba a documenti scritti e a tradizioni tramandate di generazione in generazione e che appartengono al bagaglio culturale della nostra comunità.
Gli esponenti di questa pseudo­cultura non perdono mai l’occasione di tacere dimo­strando sempre più la loro ignoranza (intesa in senso eti­mologico) della storia locale, di documenti, difatti e situa­zioni con il solo risultato di coprirsi di ridicolo.

Da anni questi luminari cer­cano di convincerci che il dia­letto delle valli del Natisone non è sloveno e che il «po nas­sem» delle valli del Torre non ha nulla a che fare con analo­ghe parlate usate appena qual­che chilometro più in là, in Slovenia, come se il confine fosse anche un muro culturale, linguistico ed etnico, e come se l’espressione «po nassem» (= po našem) non fosse essa stes­sa slovena doc.

Due timbri ufficiali della parroc­chia di San Pietro con la titolazio­ne latina, che restò in uso fino agli anni 1932-33, quando venne sostituita da una tutta italiana
Due timbri ufficiali della parroc­chia di San Pietro con la titolazio­ne latina, che restò in uso fino agli anni 1932-33, quando venne sostituita da una tutta italiana
Esponenti della pseudocul­tura locale non hanno perso un’altra occasione di tacere bollando come ridicola, mac­cheronica ed espressione di cieco sciovinismo la vecchia titolazione della parrocchia di San Pietro al Natisone: «Sanc­tus Petrus Sclaborum» o «Sanctus Petrus in Sclaboni­bus» o «Sanctus Petrus Sclavo­rum» o «Sanctus Petrus Slavorum».

Non sanno che queste titolazioni risalgono per lo meno al 1300 e sono state usate in forma ufficiale in ambito ecclesiastico fino a sessanta anni fa.

I documenti con queste dici­ture non si contano sia negli archivi parrocchiali, in partico­lare a San Pietro, che in quello diocesano.
Valga per tutte la citazione della bolla di consacrazione della chiesa di San Leonardo a Rodda fatta il 18 giugno 1568 dal visitatore patriarcale, il vescovo di Catta­ro, Luca Bisanti che scrive «... consecravimus Ecclesiam Sancti Leonardi de Villa Rota sub Plebe Sancti Petri in Scla­bonibus Aquileiensis Dioce­si...».

Sull’argomento si possono consultare numerosi documenti riportati in pubblicazioni anche recenti, in particolare l’opera di Tarcisio Venuti “Le chiesette votive da San Pietro al Natiso­ne a Prepotto” (La nuova base, Udine 1985).

Venendo a tempi più recenti è da ricordare che i parroci di San Pietro degli Slavi (civil­mente ribattezzato San Pietro ai Natisone solo nel 1867) fino al 1932-33 usavano per gli atti ufficiali di matrimonio (Libri matrimoniomm) ed altri docu­menti timbri della parrocchia che portavano impressa la dici­tura latina «Parochia S. Petri Slavorum» (cfr. sopra le ripro­duzioni).

Dopo il 7 maggio 1933, i vecchi timbri verranno sostitui­ti da un altro di forma ovale sul quale spicca la nuova titolazio­ne tutta italiana «Parrocchia di San Pietro Apostolo in San Pie­tro al Natisone».
La sostituzio­ne è stata effettuata probabil­mente su tacita «raccomanda­zione» delle autorità fasciste.

La scomparsa dai documenti parrocchiali della titolazione latina coincide con la proibi­zione della lingua slovena in ambito liturgico ed ecclesiale in tutte le nostre chiese (ago­sto1933).

Ma forse gli esponenti di primo piano della pseudocultu­ra locale non sono a conoscen­za di questi «particolari», per loro insignificanti, così come ignorano completamente l’esi­stenza di un «Benedizionale» compilato a mano nel 1876, contenente diversi riti di bene­dizione che erano in uso
«in Parochiali Ecclesia S. Petri Sla­vorum».

Probabilmente avrebbero preferito un’altra dicitura più confacente al loro credo nazio­nalistico, ma non possiamo far­ci niente perché le titolazioni delle chiese se ufficiali ― lo sanno anche loro ― erano scritte sempre in lingua latina.


G.B.Z.
da DOM

Questo sito, realizzato e finanziato interamente dai soci, è completamente independente ed amatoriale.
Chiunque può collaborare e fornire testi e immagini a proprio nome e a patto di rispettare le regole che trovate alla pagina della policy.
Dedichiamo il sito a tutti i valligiani vicini e lontani di Pulfero, San Pietro al Natisone, Savogna, Stregna, Grimacco, San Leonardo, Drenchia, Prepotto e di tutte le frazioni e i paesi.

www.lintver.it
© 2000 - 2018 Associazione Lintver
via Ponteacco, 35 - 33049 San Pietro al Natisone - Udine
tel. +39 0432 727185 - specogna [at] alice [dot] it